Discussion:
backup et affini
(too old to reply)
Vesna
2013-02-05 14:08:10 UTC
Permalink
Non sto per tediarvi con l'ennesima richiesta della serata (anche se... :D).

Non ho una caterva di dati, e posso permettermi di perdere un bel po' di
mega di roba (questo vi dà un'idea dell'entità :D). Qualche mega magari no.

Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e ricordarmi le
singole configurazioni.

Qui subentra la mia ignoranza: non mi converrebbe, invece di fare il
backup, ogni tot clonare il disco rigido su un altro disco, esterno?
Così mi ritrovo con tutto esattamente com'era.

Grazie.

V.


--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Giuliano Natali (Diaolin)
2013-02-05 14:22:37 UTC
Permalink
Vesna wrote:
> Non sto per tediarvi con l'ennesima richiesta della serata (anche se...
> :D).

:-P

>
> Non ho una caterva di dati, e posso permettermi di perdere un bel po' di
> mega di roba (questo vi dà un'idea dell'entità :D). Qualche mega magari
> no.

ah ecco...

> Qui subentra la mia ignoranza: non mi converrebbe, invece di fare il
> backup, ogni tot clonare il disco rigido su un altro disco, esterno?

certo, ogni tanto...

> Così mi ritrovo con tutto esattamente com'era.

se fai come dici sopra hai il momento "esattamente com'era" che corrisponde
a SOLO una volta, precisamente l'ultima.

Coi backup hai i differenziali.

Io farei il backup del sistema intero una volta ogni tanto e quello dei
dati tante volte piuttosto che una...

Diaolin


--
apt-get install brain....
brain package not found...
please use brain before apt-get

Diaolin

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Roberto Resoli
2013-02-05 16:00:53 UTC
Permalink
Il 05 febbraio 2013 15:22, Giuliano Natali (Diaolin)
<diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
...
>> Qui subentra la mia ignoranza: non mi converrebbe, invece di fare il
>> backup, ogni tot clonare il disco rigido su un altro disco, esterno?
>
> certo, ogni tanto...
>
>> Così mi ritrovo con tutto esattamente com'era.
>
> se fai come dici sopra hai il momento "esattamente com'era" che corrisponde
> a SOLO una volta, precisamente l'ultima.
>
> Coi backup hai i differenziali.
>
> Io farei il backup del sistema intero una volta ogni tanto e quello dei
> dati tante volte piuttosto che una...

Una domanda Vesna; usi Ubuntu ? Se si c'è l'applicazione predefinita
"Backup" (dejadup) che mi sembra carina.

Hai mai provato ad usarla?

rob
Michele Bert
2013-02-05 16:04:39 UTC
Permalink
Il 05 febbraio 2013 15:08, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
> Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e ricordarmi le
> singole configurazioni.

Aggiungo: riguardo i software installati, non ci sarabbe modo di
savare l'elenco dei pacchetti installati in un file, da dare in pasto
ad un apt-qualcosa che partendo da un'installazione pulita mi
ripristina lo stato della macchina?

Michele
Marco Cassisa
2013-02-05 16:14:45 UTC
Permalink
Il 05 febbraio 2013 17:04, Michele Bert <micbert75-***@public.gmane.org> ha scritto:

> Aggiungo: riguardo i software installati, non ci sarabbe modo di
> savare l'elenco dei pacchetti installati in un file, da dare in pasto
> ad un apt-qualcosa che partendo da un'installazione pulita mi
> ripristina lo stato della macchina?
>

http://lmgtfy.com/?q=list+of+installed+packages+apt+to+recover
Paolo Bernardi
2013-02-05 16:18:33 UTC
Permalink
Il 05/02/2013 17:04, Michele Bert ha scritto:
> Il 05 febbraio 2013 15:08, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>> Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e ricordarmi le
>> singole configurazioni.
>
> Aggiungo: riguardo i software installati, non ci sarabbe modo di
> savare l'elenco dei pacchetti installati in un file, da dare in pasto
> ad un apt-qualcosa che partendo da un'installazione pulita mi
> ripristina lo stato della macchina?

Sicuro:
dpkg --get-selections | cut -d$'\t' -f1 > pacchetti.txt
apt-get install $(cat pacchetti.txt)


--
@bernarpa
http://paolobernardi.wordpress.com
Giuliano Natali (Diaolin)
2013-02-05 16:35:01 UTC
Permalink
Michele Bert wrote:
> Il 05 febbraio 2013 15:08, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>> Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e ricordarmi le
>> singole configurazioni.
>
> Aggiungo: riguardo i software installati, non ci sarabbe modo di
> savare l'elenco dei pacchetti installati in un file, da dare in pasto
> ad un apt-qualcosa che partendo da un'installazione pulita mi
> ripristina lo stato della macchina?

dpkg --get-selections >nomefile.save

sulla padre

sulla clonata

dpkg --set-selections <nomefile.save
aptitude install

evvai

Diaolin




--
apt-get install brain....
brain package not found...
please use brain before apt-get

Diaolin

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Vesna
2013-02-05 17:27:35 UTC
Permalink
Il 05/02/2013 17:35, Giuliano Natali (Diaolin) ha scritto:
> Michele Bert wrote:
>> Il 05 febbraio 2013 15:08, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>>> Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e ricordarmi le
>>> singole configurazioni.
>> Aggiungo: riguardo i software installati, non ci sarabbe modo di
>> savare l'elenco dei pacchetti installati in un file, da dare in pasto
>> ad un apt-qualcosa che partendo da un'installazione pulita mi
>> ripristina lo stato della macchina?
> dpkg --get-selections >nomefile.save
>
> sulla padre
>
> sulla clonata
>
> dpkg --set-selections <nomefile.save
> aptitude install
>
> evvai
>
> Diaolin
>
>
Rispondo un po' a tutti:

1. Grazie.

2. Roberto: uso una Kubuntu, che penso sia uguale.
Distributor ID: Ubuntu
Description: Ubuntu 10.04.4 LTS
Release: 10.04
Codename: lucid

3. Diaul: la mia idea è, visto che il tutto non è tanto, clonare il
disco con la stessa frequenza con cui un essere umano normale fa il backup.

4. Applicazioni a parte, ci sono le varie configurazioni ecc.
Oltrettutto, io sul pc ho un sacco di applicazioni che magari fanno già
parte del pacchetto Kubunto ma che non ho mai usato; applicazioni che ho
scaricato e poi mai usato ecc. Lo so che questo vi farà inorridire, ma
clonare il disco mi permetterebbe di non dover usare il cervello :D.
Altrimenti mi tocca farmi:
- l'elenco dei dati da salvare (5' perché li tengo in modo abbastanza
omogeneo)
- l'elenco delle applicazioni che uso
- l'elenco dei file da tenere per le configurazioni
ecc ecc
Ecco, mi è sembrato che la clonazione sia una cosa più semplice e più
veloce. C'è una qualche controindicazione a farlo spesso?


V.

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Antonio Galea
2013-02-08 07:36:10 UTC
Permalink
2013/2/5 Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org>:
>
> Ecco, mi è sembrato che la clonazione sia una cosa più semplice e più veloce. C'è una qualche controindicazione a farlo
> spesso?

Più veloce non credo: copi (probabilmente molti) più dati dello
strettamente necessario, ed impieghi del tempo; più semplice
decisamente sì.

Ha anche un altro vantaggio: se fai un backup su disco esterno, per
preservare correttamente tutti gli attributi dei files DEVI
formattarlo con un filesystem Linux; se prendi un'immagine, puoi
salvarla dove ti pare. Di contro, paghi con la difficoltà di accedere
ai dati dell'immagine: devi sapere come montare le partizioni per
vedere quel che c'è dentro. Ovviamente, ci sono sempre gli amici della
lista pronti ad insegnare :-)

La proposta di rsnapshot (http://www.rsnapshot.org/) è ottima. Il
setup è relativamente semplice, ma devi modificare dei file di
configurazione testuali: se non sei abituata può sembrare più ostico
di quanto sia in realtà. Il restore è quanto di più naturale ci possa
essere: trovi i tuoi backup in cartelle con la struttura originale.

Sul mio PC sto usando rdiff-backup (http://rdiff-backup.nongnu.org/).
Ho anche fatto uno script "doppio-cliccabile" per renderlo utile a mia
madre, che è discretamente tecnologica ma alla riga di comando non
arriva. Se ti può interessare, lo posto.

Però ricordo che in lista è passato il link a Luckybackup
(http://luckybackup.sourceforge.net/): a me pare una soluzione
pienamente adeguata ai tuoi propositi. Questo è l'unico strumento di
quelli citati ad avere un'interfaccia grafica.

Antonio

PS: per tua informazione, lo strumento "nascosto" dietro a tutti
questi software è lo stesso: rsync (http://rsync.samba.org/). Se la
command line non ti intimidisce, è possibilissimo usare direttamente
quello.
Steevie
2013-02-08 08:36:42 UTC
Permalink
Ciao,
forse arrivo in ritardo coi miei 2 cents...

On 08/02/2013, Antonio Galea <antonio.galea-***@public.gmane.org> wrote:

> Sul mio PC sto usando rdiff-backup (http://rdiff-backup.nongnu.org/).
> Ho anche fatto uno script "doppio-cliccabile" per renderlo utile a mia
> madre, che è discretamente tecnologica ma alla riga di comando non
> arriva. Se ti può interessare, lo posto.
Lo usavo anch'io in kde: per questa c'era anche una piccola GUI che
permette di selezioare directory di partenza e directory (+server se
necessario) di arrivo.

> Però ricordo che in lista è passato il link a Luckybackup
> (http://luckybackup.sourceforge.net/): a me pare una soluzione
> pienamente adeguata ai tuoi propositi. Questo è l'unico strumento di
> quelli citati ad avere un'interfaccia grafica.
Su debian ho scoperto esistere (ma non l'ho testato) Back in Time",
che ha anche una interfaccia grafica per kde & gnome.

HTH,
STefano

--
Stefano David, PhD
Vesna
2013-02-08 16:30:46 UTC
Permalink
Il 08/02/2013 08:36, Antonio Galea ha scritto:
> 2013/2/5 Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org>:
>> Ecco, mi è sembrato che la clonazione sia una cosa più semplice e più veloce. C'è una qualche controindicazione a farlo
>> spesso?
> Più veloce non credo: copi (probabilmente molti) più dati dello
> strettamente necessario, ed impieghi del tempo; più semplice
> decisamente sì.
>
>

Ooooohhhh, questo è un balsamo per le mie orecchie.

Tenuto conto che la mia home occupa ca 60 giga, quali sarebbero i tempi,
spannometricamente?

V.

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Gianni Caldonazzi
2013-02-09 21:42:51 UTC
Permalink
Il giorno 08/feb/2013 17:31, "Vesna" <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>
>
(...)

> Tenuto conto che la mia home occupa ca 60 giga, quali sarebbero i tempi,
spannometricamente?

Dipende dalla velocità di trasferimento inferiore tra: lettura della
sorgente e scrittura nella destinazione, ma tenuto conto che la media di un
disco a spanne di aggira intorno hai 50-60 MB al secondo 1000'' ...

Jan
Michele Bert
2013-02-12 08:23:52 UTC
Permalink
Il 08 febbraio 2013 08:36, Antonio Galea <antonio.galea-***@public.gmane.org> ha scritto:
> 2013/2/5 Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org>:
>>
>> Ecco, mi è sembrato che la clonazione sia una cosa più semplice e più veloce. C'è una qualche controindicazione a farlo
>> spesso?
>
> Più veloce non credo: copi (probabilmente molti) più dati dello
> strettamente necessario, ed impieghi del tempo; più semplice
> decisamente sì.

Provo a dettagliare un po' la mia esperienza in merito, pur se
alquanto lacunosa. Prego correggere eventuali castronerie.

Nella mia vita ho provato 3 diversi modi per fare l'immagine di un
disco. In ordine cronologico:
1) dd, ovvero immagine grezza del disco.
Ricordo che ha impiegato delle ore per un disco che non ragiungeva i
10Gbyte, sostanziamlente dovuto al fatto che si copia tutto il disco
bit-a-bit, anche quelli non utilizzati. Inoltre ha lo svantaggio che
vengono coiati bit-a-bit anche boot sector (allora conteneva il LILO)
e partition table, per cui sostituendo il disco con uno a diversa
geometria, potrebbero succedere dei patatrac (probabilmente
recuperabili, ma non da un end-user qualsiasi). Nel mio caso
specifico, il LILO non si caricava più. Un'altro possibile effetto
potrebbe essere di trovarsi con un disco più grande e le partizioni
che non lo coprono tutto, lasciando spazio libero inutilizzato. Peggio
sarebbe trovarsi con un disco più piccolo delle partizioni definite
nella sua partition table...
Fatto sta, per riassumere, che questo metodo comporta una certa
rigidità nella scelta del disco con cui andremo a sostituire quello
che è stato perso...

2) Applicazioni di clonazione: vedi Clonezilla
Questo l'ho usato diverse volte su sitemi MSWin, ed è sempre andata
bene; una sola volta con linux ed è stato un disastro (a proposito di
provare il restore, prima di sentirsi "protetti" da un backup... :-D
). Tuttavia il disastro è stato causato da ignoranza mia, leggerezza
del mio predecessore, oltre ad una situazione hardware un po'
particolare. Con un pc standard il metodo dovrebbe essere abbastanza
affidabile.
In termini di tempo non è velocissimo (posso stimare 5-10 minuti a
GByte?), e soprattutto non so se allo stato attuale si possa fare
durante l'uso del pc. Allora no: il pc doveva essre spento, e
riavviato con l'apposito CD live.

3) clonazione "manuale"
Ho sempre utilizzato questa negli ultimi anni, e mi ha sempre dato le
più grandi soddisfazioni. In pratica corrisponde più o meno a farsi a
manina quello che clonezilla automatizza:
- dump del boot sector
- salvataggio della tabella di partizione, in forma leggibile
- copia (eventualmente compressa) dei file presenti in ogni partizione
Chiaramente il ripristino segue la falsariga:
- formattazione del (nuovo) disco e partizionamento in funzione delle
informazioni salvate, ma anche delle nuove esigenze
- copia dei file di ogni partizione
- ripristino del boot-sector (e qui ammetto che la maggiorparte delle
volte l'ho "ricreato" da zero, invece di ripristinare la copia che
avevo fatto).
- nel caso il nuovo partizionamento sia troppo diverso dall'originale,
alcuni file di configurazione vanno adattati (vedi /etc/fstab,
grub.cfg)

Questi metodi, l'ultimo in particolare, si sposavano particolarmente
bene con le mie esigenze di allora, ma personalmente sono dell'idea
che per un tipico utente desktop fare l'immagine di tutto il disco non
abbia vantaggi sufficienti a compensare gli svantaggi (velocità,
semplicità, versatilità). Secondo me la soluzione ideale consiste
nell'avere un backup (magari incrementale) solo di documenti,
configurazioni (una delle soluzioni suggerite basate su rsync o
simili), ed eventualmente, se uno vuole garantirsi un ripristino del
sistema operativo/software installato, la procedura suggerita dal
Giuliano:

dpkg --get-selections >nomefile.save

e per di ripristino,

dpkg --set-selections <nomefile.save
aptitude install

Vogliamo semplificare ulteriormente? Apro in una finestra il disco di
backup, e ci trascino sopra l'icona della home. Non è una soluzione di
backup particolarmente intelligente, non mi garantisco la possibilità
di ripristino del sistema, impiegherò un tempo paragonabile
all'immagine del disco. Però ho comunque una copia di sicurezza dei
dati, li posso recuperare singolarmente senza agrovigliarmi con la
linea di comando ed all'occorrenza posso anche utilizzare i dati in un
qualsiasi contesto differente dal "ripristino del backup".

Michele
Marco Cassisa
2013-02-05 17:29:09 UTC
Permalink
Il 05 febbraio 2013 17:35, Giuliano Natali (Diaolin)
<diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:

>
> dpkg --get-selections >nomefile.save
>
> sulla padre
>
> sulla clonata
>
> dpkg --set-selections <nomefile.save
> aptitude install
>
il primo risultato di google suggerisce anche di salvare i
sources.list e automatizza backup e restore

http://razius.com/2012/03/backup-and-restore-installed-packages-on-debian-ubuntu/
Alan Cattin Cosso
2013-02-05 20:09:34 UTC
Permalink
Io Ubuntu user dalla 6.06 utilizzo rsnapshot + rsync su un HD Esterno.
Ho un backup incrementale ogni giorno, ogni settimana, ogni mese. (se
voglio anche ogni ora), configurarlo è un lampo, la velocità anche!

Il giorno 05 febbraio 2013 18:29, Marco Cassisa
<marco.cassisa-***@public.gmane.org>ha scritto:

> Il 05 febbraio 2013 17:35, Giuliano Natali (Diaolin)
> <diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
>
> >
> > dpkg --get-selections >nomefile.save
> >
> > sulla padre
> >
> > sulla clonata
> >
> > dpkg --set-selections <nomefile.save
> > aptitude install
> >
> il primo risultato di google suggerisce anche di salvare i
> sources.list e automatizza backup e restore
>
>
> http://razius.com/2012/03/backup-and-restore-installed-packages-on-debian-ubuntu/
> --
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
>
>
>


--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Roberto Resoli
2013-02-05 20:35:38 UTC
Permalink
Il 05 febbraio 2013 21:09, Alan Cattin Cosso
<alan.cattincosso-***@public.gmane.org> ha scritto:
> Io Ubuntu user dalla 6.06 utilizzo rsnapshot + rsync su un HD Esterno.
> Ho un backup incrementale ogni giorno, ogni settimana, ogni mese. (se voglio
> anche ogni ora), configurarlo è un lampo, la velocità anche!

Perfetto, ora è tuo dovere spiegare a Vesna come usarlo ...

rob
enrico
2013-02-05 21:13:34 UTC
Permalink
Il 05/02/2013 21:35, Roberto Resoli ha scritto:
> Il 05 febbraio 2013 21:09, Alan Cattin Cosso
> <alan.cattincosso-***@public.gmane.org> ha scritto:
>> Io Ubuntu user dalla 6.06 utilizzo rsnapshot + rsync su un HD Esterno.
>> Ho un backup incrementale ogni giorno, ogni settimana, ogni mese. (se voglio
>> anche ogni ora), configurarlo è un lampo, la velocità anche!
>
> Perfetto, ora è tuo dovere spiegare a Vesna come usarlo ...
>
> rob

non solo a Vesna .... :-)

-----------------------
Ciao, Enrico S
-----------------------
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Vesna
2013-02-05 21:30:02 UTC
Permalink
Il 05/02/2013 22:13, enrico ha scritto:
> Il 05/02/2013 21:35, Roberto Resoli ha scritto:
>> Il 05 febbraio 2013 21:09, Alan Cattin Cosso
>> <alan.cattincosso-***@public.gmane.org> ha scritto:
>>> Io Ubuntu user dalla 6.06 utilizzo rsnapshot + rsync su un HD Esterno.
>>> Ho un backup incrementale ogni giorno, ogni settimana, ogni mese.
>>> (se voglio
>>> anche ogni ora), configurarlo è un lampo, la velocità anche!
>>
>> Perfetto, ora è tuo dovere spiegare a Vesna come usarlo ...
>>
>> rob
>
> non solo a Vesna .... :-)
>
> -----------------------
> Ciao, Enrico S
> -----------------------

+1

(pensavo di essere io perfida :))) )


V.

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Alan Cattin Cosso
2013-02-05 21:35:15 UTC
Permalink
Ok, molto volentieri.

Premetto che lo sto utilizzando penso neanche al 40% delle sue
pontenzialità, se scrivo castronate ditemelo:
Rsnapshot è un software (Open Source) che effettua backup incrementali
realizzati attraverso l’utilizzo di rsync e il meccanismo di snapshot.

Rsnapshot si installa nel caso di Debian con apt-get install rsnapshot e il
file di configurazione si trova in /etc/rsnapshot.conf

Consiglio di effettuare un backup del file di configurazione prima di
metterci mano.
All'interno di questo file sono elencati alcuni parametri che ci serviranno
per effettuare il backup incrementale. Elenco quelli che per standard
bastano per poter iniziare.

*snapshot_root* /media/backup (dove vogliamo salvare il nostro backup,
ricordiamoci di non terminare le directory con la /)

*backup* (la sintassi è semplicemente quella dell rsync, due esempi) /etc
oppure server:/etc*
interval* daily 7 (questo effettua 1 backup al giorno)

Una volta configurati questi parametri si deve inserire in Crontab il
lancio di Rsnapshot che per default se non sbaglio è /etc/crond.d/rsnapshot
oppure si può anche utilizzare crontab normale modificando il file di cron
con crontab -e


Sul nostro /media/backup dopo il primo backup avremo una situazione simile

*$ ls -lrt /backups/
totale 28
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-24 04:17 daily.6
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-25 05:06 daily.5
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-26 03:43 daily.4
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-27 04:42 daily.3
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-28 03:46 daily.2
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-03-01 03:45 daily.1
drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-03-02 03:45 daily.0*

Le directory al suo interno saranno /media/backup/daily.0/[nome-server +
path percorso salvato]

Esistono cmq molte guide in Internet che spiegano meglio di me come
funziona questo software. Vi consiglio di leggerle e se avete domande da
fare posso mettere a disposizione la mie esperienza.



Il giorno 05 febbraio 2013 22:13, enrico <sester.enrico-***@public.gmane.org> ha
scritto:

> Il 05/02/2013 21:35, Roberto Resoli ha scritto:
>
> Il 05 febbraio 2013 21:09, Alan Cattin Cosso
>> <alan.cattincosso-***@public.gmane.org> ha scritto:
>>
>>> Io Ubuntu user dalla 6.06 utilizzo rsnapshot + rsync su un HD Esterno.
>>> Ho un backup incrementale ogni giorno, ogni settimana, ogni mese. (se
>>> voglio
>>> anche ogni ora), configurarlo è un lampo, la velocità anche!
>>>
>>
>> Perfetto, ora è tuo dovere spiegare a Vesna come usarlo ...
>>
>> rob
>>
>
> non solo a Vesna .... :-)
>
> -----------------------
> Ciao, Enrico S
> -----------------------
>
> --
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request@**freelists.org<linuxtrent-request-***@public.gmane.org>
>
>
>


--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Vesna
2013-02-05 21:38:58 UTC
Permalink
Il 05/02/2013 22:35, Alan Cattin Cosso ha scritto:
> Ok, molto volentieri.
>
> Premetto che lo sto utilizzando penso neanche al 40% delle sue
> pontenzialità, se scrivo castronate ditemelo:
> Rsnapshot è un software (Open Source) che effettua backup incrementali
> realizzati attraverso l’utilizzo di rsync e il meccanismo di snapshot.
>
> Rsnapshot si installa nel caso di Debian con apt-get install rsnapshot
> e il file di configurazione si trova in /etc/rsnapshot.conf
>
> Consiglio di effettuare un backup del file di configurazione prima di
> metterci mano.
> All'interno di questo file sono elencati alcuni parametri che ci
> serviranno per effettuare il backup incrementale. Elenco quelli che
> per standard bastano per poter iniziare.
>
> *snapshot_root* /media/backup (dove vogliamo salvare il nostro
> backup, ricordiamoci di non terminare le directory con la /)
>
> *backup* (la sintassi è semplicemente quella dell rsync, due esempi)
> /etc oppure server:/etc*
> interval* daily 7 (questo effettua 1 backup al giorno)
>
> Una volta configurati questi parametri si deve inserire in Crontab il
> lancio di Rsnapshot che per default se non sbaglio è
> /etc/crond.d/rsnapshot oppure si può anche utilizzare crontab normale
> modificando il file di cron con crontab -e
>
>
> Sul nostro /media/backup dopo il primo backup avremo una situazione simile
>
> /$ ls -lrt /backups/
> totale 28
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-24 04:17 daily.6
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-25 05:06 daily.5
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-26 03:43 daily.4
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-27 04:42 daily.3
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-28 03:46 daily.2
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-03-01 03:45 daily.1
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-03-02 03:45 daily.0/
> Le directory al suo interno saranno /media/backup/daily.0/[nome-server
> + path percorso salvato]
>
> Esistono cmq molte guide in Internet che spiegano meglio di me come
> funziona questo software. Vi consiglio di leggerle e se avete domande
> da fare posso mettere a disposizione la mie esperienza.
>

Grazie mille in ogni caso.

V.
Alan Cattin Cosso
2013-02-05 21:40:43 UTC
Permalink
Se hai problemi scrivi!!

Il giorno 05 febbraio 2013 22:38, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:

>
> Il 05/02/2013 22:35, Alan Cattin Cosso ha scritto:
>
> Ok, molto volentieri.
>
> Premetto che lo sto utilizzando penso neanche al 40% delle sue
> pontenzialità, se scrivo castronate ditemelo:
> Rsnapshot è un software (Open Source) che effettua backup incrementali
> realizzati attraverso l’utilizzo di rsync e il meccanismo di snapshot.
>
> Rsnapshot si installa nel caso di Debian con apt-get install rsnapshot e
> il file di configurazione si trova in /etc/rsnapshot.conf
>
> Consiglio di effettuare un backup del file di configurazione prima di
> metterci mano.
> All'interno di questo file sono elencati alcuni parametri che ci
> serviranno per effettuare il backup incrementale. Elenco quelli che per
> standard bastano per poter iniziare.
>
> *snapshot_root* /media/backup (dove vogliamo salvare il nostro
> backup, ricordiamoci di non terminare le directory con la /)
>
> *backup* (la sintassi è semplicemente quella dell rsync, due esempi) /etc
> oppure server:/etc*
> interval* daily 7 (questo effettua 1 backup al giorno)
>
> Una volta configurati questi parametri si deve inserire in Crontab il
> lancio di Rsnapshot che per default se non sbaglio è /etc/crond.d/rsnapshot
> oppure si può anche utilizzare crontab normale modificando il file di cron
> con crontab -e
>
>
> Sul nostro /media/backup dopo il primo backup avremo una situazione simile
>
> *$ ls -lrt /backups/
> totale 28
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-24 04:17 daily.6
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-25 05:06 daily.5
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-26 03:43 daily.4
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-27 04:42 daily.3
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-02-28 03:46 daily.2
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-03-01 03:45 daily.1
> drwxr-xr-x 3 root root 4096 2009-03-02 03:45 daily.0*
>
> Le directory al suo interno saranno /media/backup/daily.0/[nome-server +
> path percorso salvato]
>
> Esistono cmq molte guide in Internet che spiegano meglio di me come
> funziona questo software. Vi consiglio di leggerle e se avete domande da
> fare posso mettere a disposizione la mie esperienza.
>
>
> Grazie mille in ogni caso.
>
> V.
>



--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Roberto Resoli
2013-02-06 12:54:31 UTC
Permalink
Il 05 febbraio 2013 22:38, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>
> Il 05/02/2013 22:35, Alan Cattin Cosso ha scritto:
>
> Ok, molto volentieri.
>
> Premetto che lo sto utilizzando penso neanche al 40% delle sue
> pontenzialità, se scrivo castronate ditemelo:
> Rsnapshot è un software (Open Source) che effettua backup incrementali
> realizzati attraverso l’utilizzo di rsync e il meccanismo di snapshot.
>
> Rsnapshot si installa nel caso di Debian con

...

> Grazie mille in ogni caso.

Ma scusa... non chiedi come si fa il ripristino?

rob

> V.
Gianni Caldonazzi
2013-02-06 14:46:28 UTC
Permalink
Il 06 febbraio 2013 13:54, Roberto Resoli <roberto.resoli-***@public.gmane.org> ha scritto:
[...]
> Ma scusa... non chiedi come si fa il ripristino?

Infatti, che è la cosa più importante.
Mi vergogno un po' a rispondere visto che mi ero offerto di tenere una
serata "terra terra" su questo argomento, però causa mancanza di tempo
e difficoltà nell'imbastire un percorso logico (forse inesperienza sui
backup di casa, visto che io salvo i miei dati su DVD ogni tanto), ho
latitato.

Quello che io vedo però dal tipo di domande è che manca un base
teorica su cosa dovrei salvare, mentre le risposte sono già ad un
livello troppo elevato per poter dare una risposta esauriente.

Provo a spiegarmi meglio:

1. Quali sono i dati che vuoi salvare?
1.1 Hai da salvare documenti?
1.2 Sono solo foto e filmati?
2. Perchè vuoi salvare anche il sistema operativo?
2.1 Non sei in grado di reinstallarlo?
2.2 E' troppo oneroso?
3. Hai più di un PC da salvare?
4. Hai un PC dedicato per il backup o vuoi attaccare un disco esterno
al tuo Pc e lanciare un programma che ti salvi i dati?
5. Vuoi un applicativo grafico semplice per il backup e restore?
6. Oppure sei in grado di digitare comandi sulla riga comandi per il ripristino?

In base alle risposte, le soluzioni per il backup sono riverse.
Chiedo ancora perdono Vesna.....

Jan
Vesna
2013-02-06 16:09:23 UTC
Permalink
Il 06/02/2013 15:46, Gianni Caldonazzi ha scritto:
> Il 06 febbraio 2013 13:54, Roberto Resoli <roberto.resoli-***@public.gmane.org> ha scritto:
> [...]
>> Ma scusa... non chiedi come si fa il ripristino?
> Infatti, che è la cosa più importante.
> Mi vergogno un po' a rispondere visto che mi ero offerto di tenere una
> serata "terra terra" su questo argomento, però causa mancanza di tempo
> e difficoltà nell'imbastire un percorso logico (forse inesperienza sui
> backup di casa, visto che io salvo i miei dati su DVD ogni tanto), ho
> latitato.

Orca, Gianni, io ho promesso un articolo a ottobre, e non l'ho ancora
fatto; non so se mi spiego, quanto a latitanza :). No problem.
>
> Quello che io vedo però dal tipo di domande è che manca un base
> teorica su cosa dovrei salvare, mentre le risposte sono già ad un
> livello troppo elevato per poter dare una risposta esauriente.
Vero.
>
> Provo a spiegarmi meglio:
>
> 1. Quali sono i dati che vuoi salvare?
> 1.1 Hai da salvare documenti?
Sono per lo più documenti e qualche foto. Posso permettermi di perdere
sia musica che foto di cretinate. Attualmente faccio il backup salvando
brutalmente copie su CD e verificando se accedendo al CD riesco a
recuperare i dati, oppure inviando una copia a un account di google.
> 1.2 Sono solo foto e filmati?
> 2. Perchè vuoi salvare anche il sistema operativo?
> 2.1 Non sei in grado di reinstallarlo?
> 2.2 E' troppo oneroso?
Il problema non è il sistema operativo. Immagino che con qualche
espressione colorita e assistenza di qualche santo sarei in grado di
rifarlo.

Il problema sono tutte le applicazioni che ho scaricato dopo, le mie
personali configurazioni, il client di posta; per quanto riguarda il
browser, l'unica cosa che mi interessa sono i segnalibri che posso
sempre esportare in un file *.html che posso sbattere da qualche parte.

Inoltre: a parte i dati creati da me, cosa altro conviene salvare?

La mia idea (nessuno ha il coraggio di dirmi che è stupida? o che sono
un genio e che nessuno l'ha pensato prima? :DDD) era che sarebbe stato
per me molto più facile e veloce farmi la copia (clonando) di tutto il
disco e ritrovarmi poi tutto così come l'ho lasciato, senza preoccuparmi
di cosa e come. (per Diaul: sì, è vero, usando apt-get install brain è
molto più difficile).

> 3. Hai più di un PC da salvare?
No.
> 4. Hai un PC dedicato per il backup o vuoi attaccare un disco esterno
> al tuo Pc e lanciare un programma che ti salvi i dati?
Un robo esterno, disco fisso o simile.
> 5. Vuoi un applicativo grafico semplice per il backup e restore?
> 6. Oppure sei in grado di digitare comandi sulla riga comandi per il ripristino?
Penso che, una volta risolta la prima parte, poi diventa abbastanza
indifferente come lo faccio. In entrambi i casi dovrò scrivermi tutto
passo per passo.
(caso mai, come sa il Ciampa, ripristinerò tutto in una directory
sbagliata :D)
> In base alle risposte, le soluzioni per il backup sono riverse.
> Chiedo ancora perdono Vesna.....

Davvero, nessun problema :D. Mi metti (quasi) in imbarazzo. Anzi, grazie
ancora per la tua pazienza.
> Jan

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Vesna
2013-02-06 15:55:31 UTC
Permalink
Il 06/02/2013 13:54, Roberto Resoli ha scritto:
> Il 05 febbraio 2013 22:38, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>> Il 05/02/2013 22:35, Alan Cattin Cosso ha scritto:
>>
>> Ok, molto volentieri.
>>
>> Premetto che lo sto utilizzando penso neanche al 40% delle sue
>> pontenzialità, se scrivo castronate ditemelo:
>> Rsnapshot è un software (Open Source) che effettua backup incrementali
>> realizzati attraverso l’utilizzo di rsync e il meccanismo di snapshot.
>>
>> Rsnapshot si installa nel caso di Debian con
> ...
>
>> Grazie mille in ogni caso.
> Ma scusa... non chiedi come si fa il ripristino?
>
> rob
>
>> V.

No, perché mi ci vorranno due-tre buone giornate per capire cosa devo
fare e come. E mi sa che risolverò il tutto andando a tediare i buoni
Marco & Nicola in biblioteca una sera. Se fossi stata capace a
risolvermela da sola, la configurazione ecc., leggendo manuali sui siti,
non avrei postato la domanda :D. E mi illudo, se capisco come si fa il
backup, capirò anche come si fa il restore. (Intanto continuo con le mie
copie strambe su cd et affini, almeno i dati li ho salvi).

Intanto, nessuno mi ha risposto: ma la mia idea di clonare il disco era
così peregrina (per non usare qualche termine più spinto :D)?

Grazie, V.



--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Alan Cattin Cosso
2013-02-06 16:03:03 UTC
Permalink
Il giorno 06 febbraio 2013 16:55, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:

>
> Il 06/02/2013 13:54, Roberto Resoli ha scritto:
>
> Il 05 febbraio 2013 22:38, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>>
>>> Il 05/02/2013 22:35, Alan Cattin Cosso ha scritto:
>>>
>>> Ok, molto volentieri.
>>>
>>> Premetto che lo sto utilizzando penso neanche al 40% delle sue
>>> pontenzialità, se scrivo castronate ditemelo:
>>> Rsnapshot è un software (Open Source) che effettua backup incrementali
>>> realizzati attraverso l’utilizzo di rsync e il meccanismo di snapshot.
>>>
>>> Rsnapshot si installa nel caso di Debian con
>>>
>> ...
>>
>> Grazie mille in ogni caso.
>>>
>> Ma scusa... non chiedi come si fa il ripristino?
>>
>> rob
>>
>> V.
>>>
>>
> No, perché mi ci vorranno due-tre buone giornate per capire cosa devo fare
> e come. E mi sa che risolverò il tutto andando a tediare i buoni Marco &
> Nicola in biblioteca una sera. Se fossi stata capace a risolvermela da
> sola, la configurazione ecc., leggendo manuali sui siti, non avrei postato
> la domanda :D. E mi illudo, se capisco come si fa il backup, capirò anche
> come si fa il restore. (Intanto continuo con le mie copie strambe su cd et
> affini, almeno i dati li ho salvi).
>
> Intanto, nessuno mi ha risposto: ma la mia idea di clonare il disco era
> così peregrina (per non usare qualche termine più spinto :D)?
>
> Grazie, V.
>
> Scusa se mi intrometto, per clonare il disco non puoi utilizzare il
comando DD???

dd if=/dev/sda[0-9] of=/discoesterno/disco.img

Per configurare Rsnapshot è una cavolata davvero....
Se mi dici cosa devi copiare te lo configuro io, poi se utilizzi il comando
rsnapshot -t /etc/rsnapshot.conf ti fa un test!

>
>
>
> --
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request@**freelists.org<linuxtrent-request-***@public.gmane.org>
>
>
>


--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Daniele Pizzolli
2013-02-06 17:40:23 UTC
Permalink
On 02/06/2013 05:03 PM, Alan Cattin Cosso wrote:

> Scusa se mi intrometto,

Ciao,
vale anche per me ;-)

> per clonare il disco non puoi utilizzare il comando DD???

dd if=/dev/sda[0-9] of=/discoesterno/disco.img

mmm, disco o partizini?

dopo aver fatto il dd però devi fare fsck su ognuna... in questo modo
sei sicuro di avere un file system integro (ma magari leggermente
diverso da quanto ti aspetteteresti)... meglio dovrebbe andare con
lvcreate --snapshot, ma ci vuole lvm e qualche accortezza che complica
le cose...

> Per configurare Rsnapshot è una cavolata davvero....

Anche configurarlo male, immagino sia una cavolata ;-)

Cavolate e backup (e restore) affidabili è meglio che stiano in
sottoinsiemi separati.

Ciao,
Daniele


--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Alan Cattin Cosso
2013-02-06 17:42:59 UTC
Permalink
Il giorno 06 febbraio 2013 18:40, Daniele Pizzolli <ors-Qsm+***@public.gmane.org> ha
scritto:

> On 02/06/2013 05:03 PM, Alan Cattin Cosso wrote:
>
> Scusa se mi intrometto,
>>
>
> Ciao,
> vale anche per me ;-)
>
>
> per clonare il disco non puoi utilizzare il comando DD???
>>
>
> dd if=/dev/sda[0-9] of=/discoesterno/disco.img
>
> mmm, disco o partizini?
>
> dopo aver fatto il dd però devi fare fsck su ognuna... in questo modo
> sei sicuro di avere un file system integro (ma magari leggermente
> diverso da quanto ti aspetteteresti)... meglio dovrebbe andare con
> lvcreate --snapshot, ma ci vuole lvm e qualche accortezza che complica
> le cose...
>
> Quindi che consiglieresti?

>
> Per configurare Rsnapshot è una cavolata davvero....
>>
>
> Anche configurarlo male, immagino sia una cavolata ;-)
>
> Cavolate e backup (e restore) affidabili è meglio che stiano in
> sottoinsiemi separati.
>
> Ciao,
> Daniele
>
> Già, ma piuttosto faccio un backup fatto male che non farlo! (cmq io lo
uso al lavoro e non mi ha mai dato problemi)
Cmq se hai qualcosa da aggiungere di costruttivo a me farebbe piacere, così
amplio le mie scarse conoscenze in materia!

>
>
> --
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request@**freelists.org<linuxtrent-request-***@public.gmane.org>
>
>
>


--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Daniele Pizzolli
2013-02-06 18:09:20 UTC
Permalink
On 02/06/2013 06:42 PM, Alan Cattin Cosso wrote:

> dd if=/dev/sda[0-9] of=/discoesterno/disco.img
>
> mmm, disco o partizini?
>
> dopo aver fatto il dd però devi fare fsck su ognuna... in questo modo
> sei sicuro di avere un file system integro (ma magari leggermente
> diverso da quanto ti aspetteteresti)... meglio dovrebbe andare con
> lvcreate --snapshot, ma ci vuole lvm e qualche accortezza che complica
> le cose...
>
> Quindi che consiglieresti?

Eh, ho evitato di intervenire proprio per questo... per me il backup è
un tema troppo serio e purtoppo non ho mai usato soluzioni semplici
adatte all’utente finale (per semplicità uno che usa solo le
interfaccie grafiche).

> Cavolate e backup (e restore) affidabili è meglio che stiano in
> sottoinsiemi separati.
>
> Ciao,
> Daniele
>

> Già, ma piuttosto faccio un backup fatto male che non farlo! (cmq io
> lo uso al lavoro e non mi ha mai dato problemi) Cmq se hai qualcosa
> da aggiungere di costruttivo a me farebbe piacere, così amplio le
> mie scarse conoscenze in materia!

Mmm, sì e no, un backup genera aspettative, ma se poi non le soddisfa,
e uno perde gli ultimi 10 anni di lavoro... con che coraggio gli vai
a dire, mah facevo il backup così, non ho mai controllato
bene... usavo un solo supporto...

Semplificando un po’ una soluzione ragionevole mi sembra rdiff-backup
(forse ci sono anche interfaccie grafiche), o un qualunque sistema che
tenga uno storico e abbia un modo di fare un check di consistenza,
fatto su 3 supporti diversi, uno dei quale deve essere sempre offline
e in un luogo sicuro, diverso e distante dagli altri due.

È meglio se la macchina della quale fai il backup non scriva
direttamente sul supporto, se si hanno dubbi su una potenziale
compromissione, ma ci sia solo una macchina trusted, anzi un pool
diverso con controlli incrociati... poi dovremmo parlare anche della
crittazione... come vedi non sono riuscito ad essere semplice ;-)

Buona serata,
Daniele
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Giuliano Natali (Diaolin)
2013-02-06 21:29:33 UTC
Permalink
Aggiungo una banalità:

a chi interessa il backup, in fondo?

A nessuno.

A ognuno di noi interessa il restore quindi invece di preoccuparci
se il backup sia sgtato fatto correttamente, ogni tanto dovremmo
conrollare che il RESTORE faccia il suo dovere.

Può sembrare la stessa cosa ma, credetemi, non è così

Diaolin

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Alan Cattin Cosso
2013-02-06 23:02:28 UTC
Permalink
Il giorno 06 febbraio 2013 19:09, Daniele Pizzolli <ors-Qsm+***@public.gmane.org> ha
scritto:

> On 02/06/2013 06:42 PM, Alan Cattin Cosso wrote:
>
> dd if=/dev/sda[0-9] of=/discoesterno/disco.img
>>
>> mmm, disco o partizini?
>>
>> dopo aver fatto il dd però devi fare fsck su ognuna... in questo modo
>> sei sicuro di avere un file system integro (ma magari leggermente
>> diverso da quanto ti aspetteteresti)... meglio dovrebbe andare con
>> lvcreate --snapshot, ma ci vuole lvm e qualche accortezza che complica
>> le cose...
>>
>> Quindi che consiglieresti?
>>
>
> Eh, ho evitato di intervenire proprio per questo... per me il backup è
> un tema troppo serio e purtoppo non ho mai usato soluzioni semplici
> adatte all’utente finale (per semplicità uno che usa solo le
> interfaccie grafiche).
>
> Ahimè anche io sono piuttosto contrario all'interfaccia grafica, tanti
software che hanno anche una versione grafica vedi rsync - Grsync a volte
modificano i file di configurazione con sintassi non molto adocchiabili e
ordinate.

>
> Cavolate e backup (e restore) affidabili è meglio che stiano in
>> sottoinsiemi separati.
>>
>> Ciao,
>> Daniele
>>
>>
> Già, ma piuttosto faccio un backup fatto male che non farlo! (cmq io
>> lo uso al lavoro e non mi ha mai dato problemi) Cmq se hai qualcosa
>> da aggiungere di costruttivo a me farebbe piacere, così amplio le
>> mie scarse conoscenze in materia!
>>
>
> Mmm, sì e no, un backup genera aspettative, ma se poi non le soddisfa,
> e uno perde gli ultimi 10 anni di lavoro... con che coraggio gli vai
> a dire, mah facevo il backup così, non ho mai controllato
> bene... usavo un solo supporto...
>
> Semplificando un po’ una soluzione ragionevole mi sembra rdiff-backup
> (forse ci sono anche interfaccie grafiche), o un qualunque sistema che
> tenga uno storico e abbia un modo di fare un check di consistenza,
> fatto su 3 supporti diversi, uno dei quale deve essere sempre offline
> e in un luogo sicuro, diverso e distante dagli altri due.
>
> È meglio se la macchina della quale fai il backup non scriva
> direttamente sul supporto, se si hanno dubbi su una potenziale
> compromissione, ma ci sia solo una macchina trusted, anzi un pool
> diverso con controlli incrociati... poi dovremmo parlare anche della
> crittazione... come vedi non sono riuscito ad essere semplice ;-)
>
> Buona serata,
> Daniele
>
> Io ho adottato per Vesna una soluzione semplice...

Se volevo suggerirle qualcosa per complicarsi la vita le avrei suggerito
Bacula Backup, che oltre a fare tutto quello che dici, effettua anche una
deduplicazione dei file per il risparmio di spazio disco.
Ci sono un mondo di soluzioni di backup, e come giustamente dice il saggio
Dialon è il restore il più importante.
Non voglio esser quello che ne sà di più anzi , sono quello che ne sà di
meno (se nò non mi sarei iscritto al corso sysadmin 2013), però ho cercado
di adottare una soluzione semplice/veloce . Ovvio... si può star qui a
discutere di backup per settimane, ma nel caso di 4 dati in croce.... non
mi sembrava il caso!

--
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request@**freelists.org<linuxtrent-request-***@public.gmane.org>
>
>
>


--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Luca Manganelli
2013-02-07 07:19:15 UTC
Permalink
2013/2/7 Alan Cattin Cosso <alan.cattincosso-***@public.gmane.org>

> Io ho adottato per Vesna una soluzione semplice...
>

La mia è usare un rsync one way verso un'unità disco esterna (o altro PC,
come nel mio caso):

rsync -xrlptgoEv --progress --delete SOURCE DESTINATION

-x, --one-file-system don't cross filesystem boundaries
-r, --recursive recurse into directories
-l, --links copy symlinks as symlinks
-p, --perms preserve permissions
-t, --times preserve modification times
-g, --group preserve group
-o, --owner preserve owner (super-user only)
-E, --executability preserve executability
-v, --verbose increase verbosity
--progress show progress during transfer
--delete delete extraneous files from dest dirs

ed eventualmente aggiungere --n dry-run (per testare)
Gianni Caldonazzi
2013-02-07 12:51:39 UTC
Permalink
Nel caso casalingo però potrebbe essere una soluzione accettabile
copiare ciò che vuoi sul disco con rsync e poi nel caso del
ripristino, apri semplicemente la cartella del disco esterno e
ripristini quello che serve.
Copiando l'intera cartella home "dovresti" copiarti anche le
impostazioni personalizzate degli applicativi, anche se può anche
essere falso, dipende dall'applicazione.
Vi ricordate la mia domanda sulle estensioni di openoffice che
venivano installate nella cartella utente oppure nella cartella
dell'applicativo se erano "Pubbliche"?
In questo caso avresti il backup delle estensioni private non di
quelle pubbliche...sempre che ricopiando poi nella home la cartella
nascosta dell'applicativo ti riveda le estensioni contenute ... (tut
da veder)
Per esempio la cosa migliore per firefox è esportare i segnalibri, gli
esporta in un formato json o html. L'importazione è semplice e
pensando che non abbiamo tutti i giorni segnalibri nuovi, un
salvataggio la settimana o al mese potrebbe andare pure bene.

Quindi anche qui si aprirebbe un capitolo sul tipo di dato e di
salvataggio da effettuare, cerco di spiegarmi meglio:

- foto: cosa mi serve il salvataggio giornaliero o settimanale, quando
l'ho salvata su DVD sono a posto, la foto non cambia mai.
- documenti e configurazioni: un salvataggio incrementale o meglio
deduplicato potrebbe servirmi per recuperare un documento ad una certa
versione.
- applicativi o sistema: forse un'immagine ad un certo istante può
bastare, mica installo tutti i giorni qualcosa.

Caspiterina, visto che un salvataggio non è una cosa semplice e varia
in base al contesto in cui mi trovo?

Jan
Giuliano Natali (Diaolin)
2013-02-07 13:01:34 UTC
Permalink
Gianni Caldonazzi wrote:

> Caspiterina, visto che un salvataggio non è una cosa semplice e varia
> in base al contesto in cui mi trovo?

Beh esiste anche il "salvataggio dell'utente armonico col mondo"
che si fa con un programma tipo:

MaSeHoIDatidaunaVitaeNonHoPersoMaiNiente.exe

:-)

Diaolin

OOOPS: i parametri... i parametri DIAOLIN!!!!

OK: parametro indispensabile per la buona riuscita:

MaSeHoIDatidaunaVitaeNonHoPersoMaiNiente.exe -ml=disable

e allora sei sicuro :-)




--
apt-get install brain....
brain package not found...
please use brain before apt-get

Diaolin

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Gianni Caldonazzi
2013-02-07 15:38:10 UTC
Permalink
Il 07 febbraio 2013 14:01, Giuliano Natali (Diaolin)
<diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
>
[...]
> :-)
>
> Diaolin
>
> OOOPS: i parametri... i parametri DIAOLIN!!!!
>
> OK: parametro indispensabile per la buona riuscita:
>
> MaSeHoIDatidaunaVitaeNonHoPersoMaiNiente.exe -ml=disable
>
> e allora sei sicuro :-)
>

<Irresistibile>
Ma questo non è il programma usato in una discussione appena passata
in lista ...
</Irresistibile>

Jan
Ma questo
Vesna
2013-02-07 16:59:28 UTC
Permalink
Il 07/02/2013 16:38, Gianni Caldonazzi ha scritto:
> Il 07 febbraio 2013 14:01, Giuliano Natali (Diaolin)
> <diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
> [...]
>> :-)
>>
>> Diaolin
>>
>> OOOPS: i parametri... i parametri DIAOLIN!!!!
>>
>> OK: parametro indispensabile per la buona riuscita:
>>
>> MaSeHoIDatidaunaVitaeNonHoPersoMaiNiente.exe -ml=disable
>>
>> e allora sei sicuro :-)
>>
> <Irresistibile>
> Ma questo non è il programma usato in una discussione appena passata
> in lista ...
> </Irresistibile>
>
> Jan
> Ma questo

Per fugare qualche dubbio (in mancanza di piastrelle):

1. io una copia dei miei dati ce l'ho, in qualche maniera; volevo una
cosa più veloce e elegante rispetto alla copia brutale.

2. se non me ne fosse importato niente dell'argomento, mi sembra che
porre la domanda in ML sarebbe stato quantomeno masochista, eh, Diaul? :)

3. mi sembra che siete tutti abbastanza felici con rsync. Mi rileggo con
calma le mail appena riesco e pongo altri quesiti. Stay tuna-ed!

Grazie ancora.

V.


V.

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Giuliano Natali (Diaolin)
2013-02-07 17:44:12 UTC
Permalink
Vesna wrote:

>
> Per fugare qualche dubbio (in mancanza di piastrelle):
>

Questa è un capolavoro e merita un appunto nel Chicken Journal...
Marco Agostini ti prego di provvedere ad inserire questa chicca

http://www.linuxtrent.it/documentazione/chicken-journal

la parte indelebile del linuxtrent...


>
> 2. se non me ne fosse importato niente dell'argomento, mi sembra che
> porre la domanda in ML sarebbe stato quantomeno masochista, eh, Diaul? :)

ma non prendertela vara che ti abbiamo risposto.
Ciao Cara

Diaolin



--
apt-get install brain....
brain package not found...
please use brain before apt-get

Diaolin

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Vesna
2013-02-07 18:25:21 UTC
Permalink
Il 07/02/2013 18:44, Giuliano Natali (Diaolin) ha scritto:
>
> ma non prendertela vara che ti abbiamo risposto.
> Ciao Cara
>
> Diaolin
>
>
Ma no che non me la prendo, suvvia. :D

V.
Marco Agostini
2013-02-07 20:19:43 UTC
Permalink
Il 07 febbraio 2013 18:44, Giuliano Natali (Diaolin)
<diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
>
> Questa è un capolavoro e merita un appunto nel Chicken Journal...
> Marco Agostini ti prego di provvedere ad inserire questa chicca
>
> http://www.linuxtrent.it/documentazione/chicken-journal
>
> la parte indelebile del linuxtrent...
>
fatto :-)
Vesna
2013-02-08 16:22:39 UTC
Permalink
Il 07/02/2013 21:19, Marco Agostini ha scritto:
> Il 07 febbraio 2013 18:44, Giuliano Natali (Diaolin)
> <diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
>> Questa è un capolavoro e merita un appunto nel Chicken Journal...
>> Marco Agostini ti prego di provvedere ad inserire questa chicca
>>
>> http://www.linuxtrent.it/documentazione/chicken-journal
>>
>> la parte indelebile del linuxtrent...
>>
> fatto :-)
ossignùr :D

V.
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Gianni Caldonazzi
2013-02-08 07:29:48 UTC
Permalink
Rieccomi,
oggi mi è apparso il backup di ubuntu 12.04 ... sapete che ogni tanto
appare se non si pianifica il backup.
Bene proprio per Vesna gli ho dato un occhiata e mi sembra proprio bello.
Roberto mi diceva però che Vesna non ha ancora fatto l'aggiornamento
alla 12.04, sarebbe interessante farlo. Anzi ti dirò io ho preso
l'occasione al balzo per una reinstallazione da zero.

Il prodotto si chiama deja-dup.

Il 07 febbraio 2013 17:59, Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org> ha scritto:
>
> Il 07/02/2013 16:38, Gianni Caldonazzi ha scritto:
>
>> Il 07 febbraio 2013 14:01, Giuliano Natali (Diaolin)
>> <diaolin-***@public.gmane.org> ha scritto:
>> [...]
>>>
>>> :-)
>>>
>>> Diaolin
>>>
>>> OOOPS: i parametri... i parametri DIAOLIN!!!!
>>>
>>> OK: parametro indispensabile per la buona riuscita:
>>>
>>> MaSeHoIDatidaunaVitaeNonHoPersoMaiNiente.exe -ml=disable
>>>
>>> e allora sei sicuro :-)
>>>
>> <Irresistibile>
>> Ma questo non è il programma usato in una discussione appena passata
>> in lista ...
>> </Irresistibile>
>>
>> Jan
>> Ma questo
>
>
> Per fugare qualche dubbio (in mancanza di piastrelle):
>
> 1. io una copia dei miei dati ce l'ho, in qualche maniera; volevo una cosa
> più veloce e elegante rispetto alla copia brutale.

Si questo l'ho capito.

>
> 2. se non me ne fosse importato niente dell'argomento, mi sembra che porre
> la domanda in ML sarebbe stato quantomeno masochista, eh, Diaul? :)
>

Attenta che la mia battuta a Diaolin era per un'altra discussione. Lo
sai che alle volte una battuta alleggerisce il discorso, mica si vuol
incolpare nessuno o ridere degli incidenti altrui.

> 3. mi sembra che siete tutti abbastanza felici con rsync. Mi rileggo con
> calma le mail appena riesco e pongo altri quesiti. Stay tuna-ed!

Non credo che rsync vada bene per un utente normale ed utenza
casalinga, io per esempio non lo uso.
Meglio deja-dup, che si baserà sicuramente su rsync, ma l'uso è molto
più semplice.

Prova a dargli un occhio:
https://launchpad.net/deja-dup

qui gli screenshot:
https://live.gnome.org/DejaDup/Screenshots

Jan
Vesna
2013-02-08 16:28:22 UTC
Permalink
Il 08/02/2013 08:29, Gianni Caldonazzi ha scritto:
> Meglio deja-dup, che si baserà sicuramente su rsync, ma l'uso è molto
> più semplice. Prova a dargli un occhio: https://launchpad.net/deja-dup
> qui gli screenshot: https://live.gnome.org/DejaDup/Screenshots Jan

Grazie, anche per tutte le altre risposte.

Appena riesco ci darò un occhiata e poi vi informerò.

V.

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Giuliano Natali (Diaolin)
2013-02-06 16:20:05 UTC
Permalink
Vesna wrote:
>
> Intanto, nessuno mi ha risposto: ma la mia idea di clonare il disco era
> così peregrina (per non usare qualche termine più spinto :D)?
>

ma non era peregrina ho solo detto che con la copia ti trovi SOLO
con l-ultima versione del disco e basta.

IMHO troppo poco

Diaolin



--
apt-get install brain....
brain package not found...
please use brain before apt-get

Diaolin

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Paolo Bernardi
2013-02-06 09:04:11 UTC
Permalink
Il 05/02/2013 17:35, Giuliano Natali (Diaolin) ha scritto:
> dpkg --get-selections >nomefile.save
>
> sulla padre
>
> sulla clonata
>
> dpkg --set-selections <nomefile.save
> aptitude install

Giusto; comunque la roba che avevo fumato era buonissima.

Paolo

--
@bernarpa
http://paolobernardi.wordpress.com
Mario Vittorio Guenzi
2013-02-11 08:24:48 UTC
Permalink
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 05/02/2013 15:08, Vesna ha scritto:
> Non sto per tediarvi con l'ennesima richiesta della serata (anche
> se... :D).
>
> Non ho una caterva di dati, e posso permettermi di perdere un bel
> po' di mega di roba (questo vi dà un'idea dell'entità :D). Qualche
> mega magari no.
>
> Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e
> ricordarmi le singole configurazioni.
>
> Qui subentra la mia ignoranza: non mi converrebbe, invece di fare
> il backup, ogni tot clonare il disco rigido su un altro disco,
> esterno? Così mi ritrovo con tutto esattamente com'era.
>
> Grazie.
>
> V.
>
>
di ritorno da una settimana di svago e relax ti do la mia
personalissima opinione a riguardo.
Vista la tua situazione secondo me non val la pena di fare un vero
backup anche se un vero backup e' piu' ortodosso e il restore piu'
agevole e meno invasivo, pero' visto quello che costano ormai i dischi
fissi se ti prendi un disco da 2 TB lo cacci in un cassettino USB e
una volta al mese ti fai un cloning con clonezilla che te lo "numera"
con la data in circa 1 ora ti fai il tutto.
Quando sei a "collo" con lo spazio sul disco esterno cancelli il primo
cloning della serie e vai avanti, mi pare verosimile che minimo 6
immagini su 2 TB le metti se come dici non hai una marea di roba.
Un delta di 6 mesi mi pare accettabile.

- --

Mario Vittorio Guenzi
E-mail jclark-***@public.gmane.org
Si vis pacem, para bellum
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.10 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlEYqtAACgkQm6qs1ZkNrIrMogCfa9bWF9FcGJWDyMJU+GAhPiZg
sWQAnR6GJ26AmdnoqQMUjcDVOLPmhML8
=dyk0
-----END PGP SIGNATURE-----
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Antonio Galea
2013-02-11 08:57:20 UTC
Permalink
2013/2/11 Mario Vittorio Guenzi <jclark-***@public.gmane.org>:
>
> Vista la tua situazione secondo me non val la pena di fare un vero backup anche se un vero backup e' piu' ortodosso e il restore piu'
> agevole e meno invasivo, pero' visto quello che costano ormai i dischi fissi se ti prendi un disco da 2 TB lo cacci in un cassettino
> USB e una volta al mese ti fai un cloning con clonezilla che te lo "numera" con la data in circa 1 ora ti fai il tutto.
> Quando sei a "collo" con lo spazio sul disco esterno cancelli il primo cloning della serie e vai avanti, mi pare verosimile che minimo 6
> immagini su 2 TB le metti se come dici non hai una marea di roba. Un delta di 6 mesi mi pare accettabile.

Le mie macchine sono più lente di così, ma credo che l'unica vera
difficoltà di questo approccio sia la difficoltà di recuperare i dati
da uno di questi "backup". Ovviamente, sapendo lavorare da riga di
comando con fdisk e loop devices non è un problema: ma comunque rimane
scomodo. Tu conosci un tool grafico che analizza la partition table e
monta automagicamente l'immagine in read-only, per recuperare i dati?

Antonio
Mario Vittorio Guenzi
2013-02-11 09:45:53 UTC
Permalink
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 11/02/2013 09:57, Antonio Galea ha scritto:

>
> Le mie macchine sono più lente di così, ma credo che l'unica vera
> difficoltà di questo approccio sia la difficoltà di recuperare i
> dati da uno di questi "backup". Ovviamente, sapendo lavorare da
> riga di comando con fdisk e loop devices non è un problema: ma
> comunque rimane scomodo. Tu conosci un tool grafico che analizza la
> partition table e monta automagicamente l'immagine in read-only,
> per recuperare i dati?
>
> Antonio
no Antonio mi spiacenon ne conosco e ho premesso che il sistema e'
invasivo, infatti al momento in cui sei in braghe di tela ricarichi
l'ultima immagine utile pari pari.
Per fare quello che dici tu vedrei un altra soluzione che pero' anche
questa non e' grafica e sicuramente usa piu' spazio di un cloning
un qualcosa sullo stile
#!bin/sh
cd /
rsync -vazr /boot /path_disco_esterno
rsync -vazr / /path_disco_esterno
rsync -vazr /home /path_disco_esterno

mi sembra che la struttura di una ubuntu sia questa se poi e' diversa
si fa una riga di rsync per ogni directory/mount point necessario

in questo modo la prima volta copi il totale alla volta successiva
solo le differenze, o meglio solo i files che hanno subito modifiche e
ti ritrovi sul disco esterno l'albero delle directory come sul disco a
bordo macchina.
Pro
*rapido (per quanto rapido e' l'accesso alle periferiche esterne
decisamente rapido su periferiche collegate al PC stesso)
*se cancelli qualcosa sul disco fisso li lo hai e non viene cancellato
* facile da mettere in crontab alla bisogna
* facile da fare

Contro
*funziona a linea di comando non ha interfaccia grafica (non lo metto
nei pro ma secondo me ci starebbe bene)
*ricerca manuale dei files da ripristinare.

uso questo sistema ma via ssh per fare i "backup" ogni due giorni
dalla ditta a una remote location (disaster recovery policy)

In poche parole diventa piu' complesso, a questo punto un backup
"serio" forse e' piu' indicato, ma viene a cadere il presupposto
iniziale di facilita' e comodita'
My two cents


- --

Mario Vittorio Guenzi
E-mail jclark-***@public.gmane.org
Si vis pacem, para bellum
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.10 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlEYvdEACgkQm6qs1ZkNrIpfMwCfQ9onS3lHiK6Sohwn1zVUEm2Y
PM8An1iqr8NnNSlz6aO90T6pIXVu7kcK
=5jy4
-----END PGP SIGNATURE-----
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Flavio Stanchina
2013-02-11 11:09:21 UTC
Permalink
Mario Vittorio Guenzi wrote:
> Per fare quello che dici tu vedrei un altra soluzione che pero' anche
> questa non e' grafica e sicuramente usa piu' spazio di un cloning
> un qualcosa sullo stile
> #!bin/sh
> cd /
> rsync -vazr ....

Se usi rsync, copi tutti i file (salvo eventuali filtri).
Il disco che ospita i file è sicuramente più grande della somma dei file
stessi.
In che modo quindi questa soluzione potrebbe usare più spazio di un
clone del disco???

Non discuto sul resto; sicuramente se si passa da un banale clone del
disco ad un rsync tanto vale passare ad un sistema di backup vero come
il già citato rdiff.

--
Ciao, Flavio
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Mario Vittorio Guenzi
2013-02-11 11:24:22 UTC
Permalink
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 11/02/2013 12:09, Flavio Stanchina ha scritto:
> Mario Vittorio Guenzi wrote:

> In che modo quindi questa soluzione potrebbe usare più spazio di
> un clone del disco???

nel senso che un immagine clonezilla e' stracompressa con rsync e'
tanto quanto l'originale


>
> Non discuto sul resto; sicuramente se si passa da un banale clone
> del disco ad un rsync tanto vale passare ad un sistema di backup
> vero come il già citato rdiff.
>
infatti l'ho detto mi pare chiaramente

- --

Mario Vittorio Guenzi
E-mail jclark-***@public.gmane.org
Si vis pacem, para bellum
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.10 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlEY1OYACgkQm6qs1ZkNrIrl2gCghSocshaGyY3rCjqf8hk7SVRi
bxkAoINX0ugYQwWRffKwaAcHc/dppyEv
=sEYI
-----END PGP SIGNATURE-----
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Marco Moser
2013-02-11 12:43:37 UTC
Permalink
> Se usi rsync, copi tutti i file (salvo eventuali filtri).
> Il disco che ospita i file è sicuramente più grande della somma dei
> file stessi.
> In che modo quindi questa soluzione potrebbe usare più spazio di un
> clone del disco???
>
> Non discuto sul resto; sicuramente se si passa da un banale clone del
> disco ad un rsync tanto vale passare ad un sistema di backup vero come
> il già citato rdiff.
>

rsync ha un enorme vantaggio: attacchi il disco di backup e lo utilizzi
immediatamente (vedi i file, copi i file nativamente)

--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Vesna
2013-02-11 17:48:43 UTC
Permalink
Il 11/02/2013 09:24, Mario Vittorio Guenzi ha scritto:
>
> Vista la tua situazione secondo me non val la pena di fare un vero
> backup anche se un vero backup e' piu' ortodosso e il restore piu'
> agevole e meno invasivo, pero' visto quello che costano ormai i dischi
> fissi se ti prendi un disco da 2 TB lo cacci in un cassettino USB e
> una volta al mese ti fai un cloning con clonezilla che te lo "numera"
> con la data in circa 1 ora ti fai il tutto.
> Quando sei a "collo" con lo spazio sul disco esterno cancelli il primo
> cloning della serie e vai avanti, mi pare verosimile che minimo 6
> immagini su 2 TB le metti se come dici non hai una marea di roba.
> Un delta di 6 mesi mi pare accettabile.
>
> - --
>
> Mario Vittorio Guenzi
>
Grazie! Mi tenti, eccome se mi tenti.

V.
Antonio Galea
2013-02-11 23:08:56 UTC
Permalink
2013/2/11 Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org>:
>
>> se ti prendi un disco da 2 TB lo cacci in un cassettino USB e
>> una volta al mese ti fai un cloning con clonezilla che te lo "numera"
>> con la data in circa 1 ora ti fai il tutto.
>> ...
> Grazie! Mi tenti, eccome se mi tenti.

Vesna, come dicevo a Mario: il backup è molto semplice, ma manca una
buona soluzione per il restore. Non è tanto utile un modo comodo di
mettere via una copia dei dati, senza averne uno altrettanto comodo
per accedervi quando ne hai bisogno.

Le immagini di clonezilla sono fatte in più pezzi compressi: per
vedere il contenuto devi decomprimerle, concatenarle tutte e fare un
mount da riga di comando. Ci vuole tempo, ed è un lavoro che farai
solo quando sarai nell'ansia di aver perso cose necessarie.
Certo, puoi fare un restore del sistema intero: ma torneresti al mese
scorso con tutta la macchina solo per recuperare un singolo file? Io
di certo no. Se qualcuno conosce un modo semplice ed affidabile per il
restore, allora sì, voto anche io per la semplicità di
un'immagine e via.

Se devi scomodare un amico per supportarti nella parte difficile,
penso sia meglio per entrambi chiedergli di aiutarti a strutturare,
con tutta calma, un backup ben fatto, invece che mettergli fretta per
recuperare quella cosa che ti occorre drammaticamente presto e non hai
più da nessun'altra parte :-)

Antonio
Mario Vittorio Guenzi
2013-02-12 08:34:22 UTC
Permalink
-----BEGIN PGP SIGNED MESSAGE-----
Hash: SHA1

Il 12/02/2013 00:08, Antonio Galea ha scritto:
> 2013/2/11 Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org>:
>>
>>> ...
>> Grazie! Mi tenti, eccome se mi tenti.
>
> Vesna, come dicevo a Mario: il backup è molto semplice, ma manca
> una buona soluzione per il restore. Non è tanto utile un modo
> comodo di mettere via una copia dei dati, senza averne uno
> altrettanto comodo per accedervi quando ne hai bisogno.


Nel caso di Vesna (a proposito lo so che ti tento e' una delle cose
che so fare meglio... ghghghghghgh), non parlerei di vero backup e' un
"qualcosa" che la fa dormir tranquilla, poi e' ovvio che, e lo ripeto
ancora la soluzione che ho prospettato e' pesantemente invasiva ma
dalla sua ha 2 cose
a) e' facile da fare clonezilla e' semplice da usare non fa quasi mai
errori, io lo uso in ditta a macchina nuova per fare l'immagine con
installato tutto il necessario la sbatto su un disco esterno e quando
mediamente una volta l'anno si tratta di rifare le macchine windows io
parto al momento in cui un anno prima avevo fatto aggiornamenti e
quant'altro quindi non ci metto una giornata tra aggiornnamenti e
installazioni e configurazioni parto a 1 anno prima con la macchina
che funziona immediatamente e lo faccio in 1 ora o giu' di li.
Poi faccio i nuovi aggiornamenti e installo quelle 2 cose che possono
essere state aggiunte in seguito e rifaccio l'immagine a quel momento.
b) e' veloce con una macchina decente un 500 gb di disco lo restori in
40/45 minuti, ovvio che ti salvi altrove le cose che hai messo su
dall'ultima immagine, in 1 ora hai il tuo pc nuovo fiammante senza
romperti gli $zebedei.
Ripeto NON e' un backup e' un mezzo violento di risolvere una
situazione di impasse adatto a gente che non ci sa mettere le mani.
Ovvio che Tu o io non faremmo una cosa simile neanche (quasi) con una
pistola alla nuca ma la situazione e' diversa.
My two cents

- --

Mario Vittorio Guenzi
E-mail jclark-***@public.gmane.org
Si vis pacem, para bellum
-----BEGIN PGP SIGNATURE-----
Version: GnuPG v1.4.10 (GNU/Linux)
Comment: Using GnuPG with Mozilla - http://enigmail.mozdev.org/

iEYEARECAAYFAlEZ/o4ACgkQm6qs1ZkNrIpO7wCfVMCYQp1PyClk6tjT3x2b4jF/
jw8AniCi6G5SGvAJTJUXZX6Tu5sF7fNh
=mxLk
-----END PGP SIGNATURE-----
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Michele Bert
2013-02-12 10:19:15 UTC
Permalink
Il 12 febbraio 2013 09:34, Mario Vittorio Guenzi <jclark-***@public.gmane.org> ha scritto:
> io lo uso in ditta a macchina nuova per fare l'immagine con
> installato tutto il necessario la sbatto su un disco esterno e quando
> mediamente una volta l'anno si tratta di rifare le macchine windows io
> parto al momento in cui un anno prima avevo fatto aggiornamenti e
> quant'altro quindi non ci metto una giornata tra aggiornnamenti e
> installazioni e configurazioni parto a 1 anno prima con la macchina
> che funziona immediatamente e lo faccio in 1 ora o giu' di li.

In quest'ottica appoggio anch'io questa soluzione.
Io lo facevo nel precedente posto di lavoro con il mio PC Vista, che
aveva bisogno di essere ripristinato almeno ogni sei mesi. Io però ho
fatto l'errore di affidarmi ad un DVD come supporto di backup, e dopo
svariati utilizzi ha iniziato a deteriorarsi fino a diventare
inutilizzabile.

Con il mio Mac non ho mai avuto necessità di rifare un sistema, per
cui la "copia di sicurezza" che ho descritto sopra è sempre stata più
che sufficiente. Con Linux non sono mai andato oltre i due anni, ma
anche quello non mi aspetto soffra di deterioramento delle
prestazioni, e quindi non necessiti di essere rifatto, se non in caso
di guasti HW.

Michele
Alan Cattin Cosso
2013-02-12 11:09:52 UTC
Permalink
Mi permetto di consigliare questo video-tutorial per l'utilizzo di
Clonezilla
http://www.linuxitaliano.it/linuxitaliano/imparare/video-tutorial/234-backup-e-restore-sistema-con-clonezilla.html

Il giorno 12 febbraio 2013 11:19, Michele Bert <micbert75-***@public.gmane.org> ha
scritto:

> Il 12 febbraio 2013 09:34, Mario Vittorio Guenzi <jclark-***@public.gmane.org> ha
> scritto:
> > io lo uso in ditta a macchina nuova per fare l'immagine con
> > installato tutto il necessario la sbatto su un disco esterno e quando
> > mediamente una volta l'anno si tratta di rifare le macchine windows io
> > parto al momento in cui un anno prima avevo fatto aggiornamenti e
> > quant'altro quindi non ci metto una giornata tra aggiornnamenti e
> > installazioni e configurazioni parto a 1 anno prima con la macchina
> > che funziona immediatamente e lo faccio in 1 ora o giu' di li.
>
> In quest'ottica appoggio anch'io questa soluzione.
> Io lo facevo nel precedente posto di lavoro con il mio PC Vista, che
> aveva bisogno di essere ripristinato almeno ogni sei mesi. Io però ho
> fatto l'errore di affidarmi ad un DVD come supporto di backup, e dopo
> svariati utilizzi ha iniziato a deteriorarsi fino a diventare
> inutilizzabile.
>
> Con il mio Mac non ho mai avuto necessità di rifare un sistema, per
> cui la "copia di sicurezza" che ho descritto sopra è sempre stata più
> che sufficiente. Con Linux non sono mai andato oltre i due anni, ma
> anche quello non mi aspetto soffra di deterioramento delle
> prestazioni, e quindi non necessiti di essere rifatto, se non in caso
> di guasti HW.
>
> Michele
> --
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
>
>
>


--
http://trapiantalan.wordpress.com/ <-- Il mio Blog
Roberto Resoli
2013-02-12 09:16:35 UTC
Permalink
Il 12 febbraio 2013 00:08, Antonio Galea <antonio.galea-***@public.gmane.org> ha scritto:
> 2013/2/11 Vesna <vesnapesca-***@public.gmane.org>:
>>
>>> se ti prendi un disco da 2 TB lo cacci in un cassettino USB e
>>> una volta al mese ti fai un cloning con clonezilla che te lo "numera"
>>> con la data in circa 1 ora ti fai il tutto.
>>> ...
>> Grazie! Mi tenti, eccome se mi tenti.
>
> Vesna, come dicevo a Mario: il backup è molto semplice, ma manca una
> buona soluzione per il restore. Non è tanto utile un modo comodo di
> mettere via una copia dei dati, senza averne uno altrettanto comodo
> per accedervi quando ne hai bisogno.
>
> Le immagini di clonezilla sono fatte in più pezzi compressi: per
> vedere il contenuto devi decomprimerle, concatenarle tutte e fare un
> mount da riga di comando. Ci vuole tempo, ed è un lavoro che farai
> solo quando sarai nell'ansia di aver perso cose necessarie.
> Certo, puoi fare un restore del sistema intero: ma torneresti al mese
> scorso con tutta la macchina solo per recuperare un singolo file? Io
> di certo no. Se qualcuno conosce un modo semplice ed affidabile per il
> restore, allora sì, voto anche io per la semplicità di
> un'immagine e via.
>
> Se devi scomodare un amico per supportarti nella parte difficile,
> penso sia meglio per entrambi chiedergli di aiutarti a strutturare,
> con tutta calma, un backup ben fatto, invece che mettergli fretta per
> recuperare quella cosa che ti occorre drammaticamente presto e non hai
> più da nessun'altra parte :-)

Concordo su tutta la linea.

Vesna, ti consiglio questo percorso:

1) Fai una copia con clonezilla della tua macchina.
2) Aggiorna a 12.04, la 10.04 è troppo vecchia.
3) Pensa con calma ad una soluzione di restore comoda. Io continuo a
consigliarti dejàdup,
se ti accorgi di eventuali problemi/scomodità, passa a ad una delle
numerose ottime soluzioni che ti hanno consigliato.

rob

> Antonio
> --
> Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
> "subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
>
>
Gianni Caldonazzi
2013-02-13 20:00:41 UTC
Permalink
Il giorno 12/feb/2013 10:16, "Roberto Resoli" <roberto.resoli-***@public.gmane.org> ha
scritto:
>
(...)

> Vesna, ti consiglio questo percorso:
>
> 1) Fai una copia con clonezilla della tua macchina.
> 2) Aggiorna a 12.04, la 10.04 Ú troppo vecchia.
> 3) Pensa con calma ad una soluzione di restore comoda. Io continuo a
> consigliarti dejàdup,
> se ti accorgi di eventuali problemi/scomodità, passa a ad una delle
> numerose ottime soluzioni che ti hanno consigliato.
>
> rob
>

Tutti pare ignorino la soluzione data da Roberto, che fra il resto c'Ú
anche per la 10.04.

Ci permette di fare i backup su un disco esterno, oppure su ubuntu one,
avere la deduplica e l'interfaccia grafica.
Vesna...forza provalo e faccio sapere.

Jan
Michele Bert
2013-02-21 07:59:57 UTC
Permalink
Se a qualcuno fosse sfuggito, segnalo un articoletto interessante
dell'istituto majorana [1], su come crearsi un "DVD di installazione"
della nostra Ubuntu personalizzata.
Non ho approfondito i dettagli, ma non sembra male

Michele

[1]http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1682&Itemid=33
Marco Ciampa
2013-03-08 18:06:53 UTC
Permalink
On Tue, Feb 05, 2013 at 03:08:10PM +0100, Vesna wrote:
> Non sto per tediarvi con l'ennesima richiesta della serata (anche se... :D).
>
> Non ho una caterva di dati, e posso permettermi di perdere un bel
> po' di mega di roba (questo vi dà un'idea dell'entità :D). Qualche
> mega magari no.
>
> Piuttosto mi scoccerebbe dovermi riscaricare i software e ricordarmi
> le singole configurazioni.
>
> Qui subentra la mia ignoranza: non mi converrebbe, invece di fare il
> backup, ogni tot clonare il disco rigido su un altro disco, esterno?
> Così mi ritrovo con tutto esattamente com'era.
>
> Grazie.
>
> V.

Scusa Vesna mi sono perso completamente il tuo messaggio e il relativo
thread.

Provo a risponderti ora.

La mia esperienza personale, che come sempre è volta alla semplicità
(per complicarsi la vita c'è sempre tempo) è che:

1) al 99% all'utente basta il salvataggio della home. Il salvataggio del
sistema _non_ è quindi richiesto.

Per salvare un sistema completo, consiglio clonezilla:

http://clonezilla.org/downloads.php

è _abbastanza_ semplice da usare. Non semplicissimo.


2) invece è molto importante che questo sia il più semplice e
automatico possibile: il sistema deve partire a intervalli stabiliti
automaticamente e, se li si "salta" (perché per esempio il PC è
spento) proporli alla prima riaccensione.

3) il sistema deve gestire in automatico i salvataggi completi
intervallati da incrementali, ma siccome questo particolare tecnico non
è importante per l'utente (ma le sue conseguenze in risparmio di spazio
si...) il sistema lo deve fare senza farlo sapere (ergo in maniera
trasparente).

4) il sistema deve partire in automatico. Siccome questo ha senso su un
disco esterno, deve accorgersi automaticamente se questo è presente
oppure no e farlo partire automaticamente quando questo si presenta

5) il sistema deve avvertire quando ha finito (per poter rimuovere il
disco esterno)

6) il sistema deve prevedere una opzionale crittografia, in modo da
evitare problemi di sicurezza su unità potenzialmente leggibili da
tutti

7) il sistema deve essere grafico (per un uso utente generico)

8) il sistema deve essere installato o installabile da repository

9) il sistema deve prevedere un metodo grafico e veloce per ripristinare
un o più file

10) il programma deve essere totalmente tradotto con un manuale completo
e chiaro, fatto per utenti inesperti e anch'esso totalmente tradotto.

11) deve essere facile da configurare cosa _non_ salvare.

12) deve funzionare in "round robin", cancellando per mancanza di spazio
i vecchi backup, o segnalare lo spazio esaurito e bloccarsi.

Tutte queste opzioni (a parte la 9) sono soddisfatte dal sistema di
backup preinstallato da Ubuntu (ormai da alcuni anni), che si chiama
deja-dup, e che trovate nelle impostazioni di sistema. È veramente un
programma fatto bene. Addirittura si ricorda del nome dell'unità usata
per il backup e parte automaticamente se un backup è pendente al
momento dell'inserimento dell'unità (per esempio USB) nel sistema.

Puoi lanciare il salvataggio con dejadup comodamente mentre lavori,
tanto funziona in background.

Lo uso sempre (ho impostato un backup ogni settimana) e mi trova
piuttosto soddisfatto. Quando anche il punto 9 sarà completo (ma le
istruzioni per recuperare un file nel manuale, sono chiarissime e molto
semplici) sarà semplicemente perfetto.

##################################################################

Se vuoi stare in una botte di ferro (senza impazzire...) consiglio:

Configura dejadup per un salvataggio frequente (ogni settimana o anche
ogni giorno) e una volta sola all'anno salvati tutta la macchina con
clonezilla. Se ti si distrugge il disco rigido della tua macchina,
semplicemente recuperi tutto su un'altro PC con clonezilla e poi
ripristini tutta la home, perdendo solo pochi giorni o uno solo, dal
backup di dejadup. Puoi usare anche lo stesso disco di backup sia per
l'immagine di clonezilla che per i backup di dejadup dato che salvano in
cartelle diverse. Un disco formattato NTFS va benissimo.

Semplice, sicuro ed efficace.

Spero possa esserti di aiuto.


--


Marco Ciampa

+--------------------+
| Linux User #78271 |
| FSFE fellow #364 |
+--------------------+
--
Per iscriversi (o disiscriversi), basta spedire un messaggio con OGGETTO
"subscribe" (o "unsubscribe") a mailto:linuxtrent-request-***@public.gmane.org
Continue reading on narkive:
Loading...